LA NOSTRA CAMPAGNA

Make Fruit Fair demonstration

Perché una campagna sulla frutta tropicale?

Diciannove organizzazioni di tutto il mondo si sono riunite per avviare la campagna Make Fruit Fair! Le ONG europee stanno lavorando in stretta collaborazione con le piccole organizzazioni di agricoltori e sindacati nelle piantagione di Africa, America Latina e Caraibi per migliorare le condizioni di vita e di lavoro di centinaia di migliaia di persone che coltivano, raccolgono e impacchettano la frutta tropicale che noi poi compriamo ogni giorno.

Gli esempi più importanti sono banane e ananas: la banana è il frutto più commercializzato a livello mondiale, coltivato in più di 150 paesi, vengono prodotte 107 milioni di tonnellate all’anno. Il commercio internazionale di ananas si sta espandendo rapidamente, uno ogni due frutti viene prodotto per l’esportazione.

Le violazioni delle leggi sul lavoro e dei diritti ambientali sono comuni sia nella produzione di banane e ananas, sia in altre produzioni di frutta tropicale, e in molti casi questa situazione sta peggiorando.

La nostra campagna riguarda:

  • la promozione di catene di approvvigionamento di frutta tropicale eque e sostenibili,
  • la difesa dei diritti sociali e ambientali nei paesi produttori,
  • la costruzione di uno spazio per poter ascoltare le voci dei paesi produttori nel Sud del mondo,
  • il collegamento fra paesi produttori e paesi consumatori realizzando una campagna insieme,
  • la promozione di nuove forme per politiche e pratiche commerciali internazionali

Che cosa chiede nello specifico la campagna “Make Fruit Fair!” ?

Vogliamo che i supermercati, i più potenti attori lungo la filiera, paghino prezzi equi ai loro fornitori che coprano i costi di una produzione sostenibile.

Vogliamo che le aziende di frutta e i supermercati garantiscano:

  • il pagamento dei salari nelle piantagioni.
  • la parità di accesso per le donne all’occupazione e alla formazione
  • il rispetto dei diritti umani, compresi i diritti dei lavoratori, come la libertà di aderire a un sindacato indipendente.
  • il rispetto dell’ambiente attraverso la riduzione dell’utilizzo di agrochimici tossici.

Vogliamo che i governi:

  • impediscano gli abusi di potere d’acquisto dei supermercati attraverso la regolamentazione.
  • garantiscano che le imprese siano ritenute responsabili per le condizioni di lavoro nei paesi produttori.
  • incoraggino politiche di sostegno per la produzione di frutta equa e sostenibile.

Questa campagna per avere un impatto, ha abbiamo bisogno del vostro sostegno!

I consumatori hanno il potere di fare pressione sui responsabili del miglioramento della situazione lungo le catene di approvvigionamento di frutta. AGISCI ADESSO!